Il “nuovo” Parlamento Europeo sembra più favorevole all’industria delle criptovalute

Il nuovo Parlamento Europeo sembra pronto a continuare le politiche relativamente favorevoli verso l’industria delle criptovalute. La scorsa settimana, 185 milioni di elettori dell’UE provenienti da 27 Stati membri hanno partecipato alle elezioni per scegliere il nuovo Parlamento Europeo.

Un Futuro Promettente per le Criptovalute

Nonostante un complesso contesto politico, l’Europa è riuscita a rispondere ad alcune delle esigenze dell’industria delle criptovalute e della blockchain. La domanda ora è: questo nuovo Parlamento Europeo favorirà la regolamentazione delle criptovalute?

Un Parlamento Pro-Crypto

Il gruppo più grande e influente del Parlamento Europeo, il PPE, conta 189 seggi. Markus Ferber, eurodeputato tedesco del PPE, ha dichiarato a Cointelegraph che l’aumento di 13 seggi rispetto alle ultime elezioni dell’UE fornisce stabilità per l’industria delle criptovalute, poiché il “PPE spesso adotta un approccio più pragmatico e neutrale rispetto alla tecnologia”.

Ferber ha spiegato che la neutralità tecnologica del PPE si basa su un approccio basato sul rischio che guarda ai casi d’uso e non solo alla tecnologia sottostante. Ha osservato che c’è stato un significativo cambiamento nel Parlamento Europeo che potrebbe ridurre la pressione sull’industria delle criptovalute.

Ferber ha sottolineato che i partiti di centro-sinistra, che erano “più desiderosi di limitare le criptovalute in ogni modo possibile”, hanno perso molti seggi.

Conclusione

Il nuovo Parlamento Europeo, con il rafforzamento del PPE, sembra offrire un ambiente più favorevole per l’industria delle criptovalute.

La perdita di influenza dei partiti di centro-sinistra e dei Verdi/ALE, che erano più restrittivi nei confronti delle criptovalute, potrebbe significare meno pressione normativa e un maggiore supporto per lo sviluppo di questo settore.

Tuttavia, rimane da vedere come queste dinamiche politiche si tradurranno in politiche concrete nei prossimi anni.

Condividi questo articolo

Altri articoli