Bitcoin Pizza Day: cos’è e cosa si festeggia

Nonostante Bitcoin abbia soltanto 15 anni, ci sono già stati vari avvenimenti che in qualche maniera hanno segnato questo settore in un modo o nell’altro.

Ricordarli ci fa riflettere su quanto le cose in pochi anni siano cambiate e anche su quanto potrebbero cambiare in futuro. Azioni che riteniamo piccole e insignificanti in un dato momento possono dare vita a grandi trasformazioni e cambiamenti in tutto il mondo: la storia che vi stiamo per raccontare rappresenta proprio uno di questi piccoli gesti.

Bitcoin Pizza Day

Siamo nel Maggio del 2010 e Bitcoin è una tecnologia quasi del tutto sconosciuta. Un giorno Laszlo Hanyecz, un appassionato e sviluppatore di Bitcoin, scrisse nel forum Bitcointalk un inusuale messaggio in cui chiede se ci fosse qualcuno disposto a portarli due pizze in cambio di bitcoin.

Essendo un forum di appassionati, molte persone si mostrarono interessate a questa richiesta: Laszlo offriva ben 10.000 btc che a quel tempo valevano 41$. Insomma, per due pizze non era male.

Il messaggio che scrisse nel forum, tradotto, fu più o meno questo:

“Pagherò 10,000 bitcoin per un paio di pizze … forse 2 grandi, così ne ho un po’ per il giorno successivo. Mi piace lasciare la pizza da mangiare il giorno dopo. Puoi fare la pizza da solo e portarla a casa mia o ordinarla a domicilio, ma quello che voglio è che mi venga portato il cibo in cambio di bitcoin. È come ordinare un vassoio in un hotel o qualcosa del genere, ti portano semplicemente qualcosa da mangiare e sei felice!

Mi piacciono cose come cipolle, peperoni, salsicce, funghi, pomodori, peperoni, ecc., Solo cose standard, niente di strano come il pesce o qualcosa del genere. Mi piacciono anche le normali pizze al formaggio che possono essere più economiche da preparare o acquistare.
Se sei interessato, fammelo sapere e possiamo concludere un accordo.

Grazie,
Laszlo”

Nonostante le molte persone interessate, il problema consisteva nel riuscire ad effettuare lo scambio: parliamo del 2010 per cui la maggior parte dei servizi ancora non esistevano. Per questo motivo servirono 4 giorni per riuscire a concludere l’acquisto e soddisfare la voglia di pizza di Laszlo: pagando in dollari ci sarebbero volute poche decine di minuti, ma a quel punto non si sarebbe scritta una pagina di storia.

Ma chi fu il fortunato a portarsi a casa 10.000 btc? Il suo nome è Jeremy Sturdivant. Per portare a termine l’intera transazione, Jercos e Laszlo si misero in contatto con la chat IRC, un vecchio ma efficace sistema di comunicazione.

Jeremy rivelò anni dopo che spese rapidamente tutti i bitcoin per pagarsi diversi viaggi con la sua fidanzata. Perse una vera e propria fortuna, ma si ritiene comunque felice di aver scritto una pagina memorabile di questo settore.

Ecco perché il 22 Maggio si celebra il Bitcoin Pizza Day, un giorno speciale in cui gli appassionati di crypto ricordano quanta strada ha fatto questo settore in così pochi anni…magari con una fetta di pizza tra i denti.

Vuoi rimanere aggiornato sul mondo crypto e blockchain per non perderti nessuna novità? Seguici sui nostri canali!

Condividi questo articolo

Altri articoli

Senza categoria

Bitcoin in Difficoltà per i miners?

Dopo la decisione della Fed della scorsa settimana, Bitcoin sembra affrontare un altro fattore problematico che influenza il suo prezzo: i miners. La principale criptovaluta